Vuoi costruire il tuo corso aziendale? Salesforce ti fornisce la sua piattaforma interna

Più di duemila aziende italiane all’evento Salesforce Basecamp per un totale di seimila iscritti. Un “sold out” che dimostra la popolarità dell’azienda americana leader mondiale nel Crm, ovvero nella piattaforma di gestione del rapporto tra aziende e consumatori.

L’Italia è il Paese con il tasso più alto di crescita in Europa – ha dichiarato Keith Block, coCeo dell’azienda”. A dimostrazione del fatto che l’unico prodotto dell’offerta di Salesforce – la Customer Success Platform che usano oltre 200mila aziende nel mondo – è strutturata per poter soddisfare le esigenze di aziende piccole, medie, che in Italia sono decine di migliaia, e grandi.

È proprio nella semplicità dell’offerta, e della intuitività degli strumenti messi a disposizione dei clienti, la forza di un’azienda che fattura più di 13 miliardi di dollari con un reddito netto di poco più di un miliardo di dollari e 35mila dipendenti in tutto il mondo.

In tempi in cui è ben chiaro che il successo di un’azienda è strettamente correlato alla capacità di conoscere i propri clienti e di prevederne i desideri attraverso l’analisi puntale delle informazioni che loro stessi lasciano in Rete e offline, è comprensibile che una piattaforma ideata appositamente per questo goda ora di massima popolarità.

Durante tutto il Basecamp sono stati solo i clienti di Salesforce i protagonisti. Dall’Inter a Lamborghini, dai 37 partner ai 40 “trailblazer”, letteralmente “apripista” ovvero i primi grandi utilizzatori della piattaforma, tutti hanno raccontato la loro esperienza.

Le novità più significative

Tra le novità illustrate dai manager italiani, il vantaggio di poter identificare con un numero unico il cliente, indipendentemente dal software in cui sono archiviati i suoi dati e dalla divisione aziendale che usa questi dati.

Ancora, l’integrazione di MuleSoft, acquisita da Salesforce per 6,5 miliardi nel 2018, per risolvere la questione dell’integrazione delle diverse piattaforme informatiche, grande limite allo sviluppo dei progetti digitali. Infine, Einstein, l’assistente digitale di Salesforce ora diventato Voice, che prevede un motore di machine learning abbastanza intelligente da non richiedere (troppe) competenze interne per strutturare e interpretare i dati raccolti.

Interessante, soprattutto, MyTrailhead, declinazione della piattaforma Trailhead di Salesforce. Si tratta di un servizio di eLearning gratuito che ha rilasciato fino a 14mila certificati e che sembra particolarmente apprezzato per l’approccio in stile “gamification” – imparare come se si giocasse un videogioco.

Ebbene, Salesforce ha deciso di rendere disponibile la piattaforma, questa volta a pagamento a un costo di 25 dollari al mese per utente, a tutte le aziende che vogliono costruirsi il proprio corso digitale in casa. E il successo è stato tale da diventare il prodotto più scaricato dell’intera offerta Salesforce.